Archivi Blog

Media Sondaggi al 14 Dicembre


media-sondaggi-14-dic Dopo il periodo di oscuramento sondaggi dovuto al referendum costituzionale la scorsa settimana sono finalmente riapparse apparse le nuove rilevazioni demoscopiche.

Il Partito Democratico, nonostante la batosta referendaria, si mantiene sopra la soglia del 31% sebbene in calo dello 0.4% rispetto a un mese fa. Il Movimento 5 Stelle invece fa segnare un aumento dello 0.5% e supera nuovamente quota 29% assestandosi ad appena il 2% di distanza dal PD.

Immediatamente dietro c’e’ da registrare l’arretramento della Lega che per la prima volta da molti mesi viene superata da Forza Italia al 12.1% contro il suo 11.8%

Tra i partiti minori Fratelli d’Italia in salita guadagna il 4.5%, il Nuovo Centro Destra raggiunge un buon 3.3% mentre va male Sinistra Italiana appena sopra a soglia del 3%.

L’astensione appare in leggero calo al 48.6%

 

 

Advertisements

Media Sondaggi al 15 Giugno


Media Sondaggi 15 giuDopo la buriana delle elezioni regionali e comunali sul PD si abbatte la gelata dei sondaggi. Il partito di Matteo Renzi infatti si ferma al 34.8% perdendo quasi un punto e mezzo rispetto a un mese fa. Al contempo i suoi principali competitor compiono un ragguardevole balzo in avanti. Il Movimento 5 Stelle guadagna l’1.2% e si attesta al 21.9% ai suoi massimi del 2015 mentre la Lega Nord sfonda addirittura quota 15%. Da sottolineare che questi sono risultati consistenti perché ottenuti a fronte di un picco di votanti. Infatti nel clima elettorale i numeri di astenuti ed incerti sono crollati portando la loro media a solo il 41.8%. Questi numeri dovranno quindi essere confermati nelle prossime settimane alla luce dell’andamento dell’astensione, ma per adesso indicano che gli elettori del PD si sono astenuti in misura maggiore di quelli di Lega e M5S.

Poco da aggiungere sugli altri partiti: Forza Italia rimane endemicamente debole mentre SEL sembra aver iniziato un trend discendente anche se potrebbe semplicemente soffrire dell’aumento dei votanti.

Infine vale la pena notare che la somma di Lega, Forza Italia, NCD e FDI supera di poco il risultato del PD 34.9% vs 34.8% il che sta ad indicare che se i partiti del centrodestra si riunissero molto probabilmente sfiderebbero il PD al ballottaggio dell’Italicum