Annunci

Grillo costola della sinistra?


Paolo Natale su Europa mette in fila alcuni numeri sull’elettorato grillino. Qualcuno di questi e’ già noto ai quattro lettori di questo blog, in particolare il fatto che i grillini al II turno si riversano in massa sul candidato del centrosinistra nelle stesse proporzioni riportate dal Natale.

Tuttavia Natale aggiunge che

Il profilo del grillino è prevalentemente maschio (poco meno del 70 per cento), giovane ma non giovanissimo (quasi il 60 per cento ha un’età compresa tra i 25 e i 40 anni), con un titolo di studio alto ma non altissimo (il 45 per cento è diplomato, contro il 28 della popolazione, e i laureati sono solo poco sopra la media), particolarmente lontano dalla chiesa (solo il 15 per cento è cattolico assiduo, circa la metà del dato nazionale), risiede in prevalenza nel Nord o nel Centro-nord (soprattutto in Liguria, Veneto, Emilia-Romagna e Marche), mentre appare molto sottodimensionato nel Sud del paese, non ha forti specificità per quanto riguarda l’ampiezza dei comuni, essendo diffuso in maniera equilibrata un po’ dovunque.

ed e’ quindi affine a quello dell’elettorato del centrosinistra.

Io non sono d’accordo.

Purtroppo non ho il dettaglio della ricerca cui si riferisce Natale, tuttavia più che a all’elettorato PD l’elettorato grillino mi pare assomigli all’utenza internet come descritta dalle ricerche Audiweb. Qui di seguito ho messo i grafici della distribuzione per eta’, sesso, titolo di studio e area geografica degli utenti internet (fonte: Audiweb), della popolazione italiana (fonte: Istat) e dell’elettorato PD (fonte: Itanes).

Questa breve analisi porta a due conclusioni a mio parere.
La prima e’ che il PD non riesce a parlare ai grillini perché non riesce a parlare alla rete. Il mezzo appare ancora alieno a Bersani&co nonostante qualche sforzo sia stato fatto, tuttavia nessuno dei temi chiave dei grillini e’ stato ripreso, in primis il digital divide ma anche un certo rigore etico che pure dovrebbe essere nelle corde degli eredi di Berlinguer, la trasparenza e la chiarezza di idee, qualunque esse siano, che in rete le posizioni sfumate affogano nel rumore di fondo.
Tuttavia il ribellismo anti-casta, confuso e fondamentalmente privo di prospettive, di cui Grillo si fa portatore, e che e’ l’ennesima declinazione del vacuo personalismo italiano che già ci ha dato statisti di vaglia quali Berlusconi, Bossi e Dipietro, rimane recuperabile, come dice quel 75% di grillini che han votato per Pisapia fregandosene di Grillo che lo aveva bollato come Pisapippa.
Basta averne la volontà, chiarezza di idee e fermezza di intenti.
Banda larga, wifi gratuito, un serio taglio ai benefit politici, proposte direi doverose per un paese in affanno come l’Italia, immediatamente toglierebbero acqua alla navicella del comico genovese e la ridarebbero alla buona politica.

Annunci

Pubblicato il 24 aprile 2012, in Partito Democratico, Politica con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: