Annunci

Il nuovo inizio del Napoli


Nei giorni del venticinquesimo dell’arrivo di Maradona a Napoli e dell’addio al calcio di Carmando, senza tacere dell’ormai certa partenza di Montervino, l’ultimo giocatore del Napoli pre-fallimento, gli azzurri si apprestano a partire per il ritiro in Austria, per inaugurare un ciclo completamente nuovo, che dopo la rifondazione, porti la squadra in Europa, dopo l’assaggio che ci e’ andato di traverso l’anno scorso.

Dopo un girone di ritorno francamente disastroso, dovuto a mio parere a un mix tra preparazione anticipata, inesperienza giovanile e un mercato 2008/2009 che non ha reso quanto sperato, DeLaurentis ha deciso di continuare il rinnovamento della squadra, già cominciato con l’arrivo di Donadoni.

Un rinnovamento che parte da una non scontata riconferma dei pezzi pregiati della squadra. A parte la telenovela Lavezzi che si sta concludendo in queste ore con una netta vittoria della società in uno stucchevole braccio di ferro con un giocatore che, mi auguro, sia stato solo mal consigliato, il mercato calcistico oscilla tra spese folli come quelle del Real Madrid e gli scarsi fondi di gran parte delle squadre italiane e non, messe, chi più chi meno, in ginocchio dalla crisi e che sconta anche, a mio parere, l’assenza di veri grandi talenti. In questo contesto avere la capacita’ di conservarsi gli Hamsik, i Gargano, i Lavezzi non e’ cosa da poco.

La prima mossa di Marino e’ stato l’acquisto di Quagliarella, che già si annuncia come nuovo idolo di Fuorigrotta. Tuttavia il reparto attaccanti rimane un work in progress. A parte la scontata partenza di uno Zalajeta che ha reso a giornate alterne e che comunque ha evidenziato seri problemi caratteriali, gia’ Russotto e’ stato rispedito al Bellinzona, anche qui per limiti caratteriali piu’ che tecnici. Denis invece pare perennemente in bilico. Il giocatore a mio parere ha scontato l’approccio al campionato italiano unitamente al fatto che ha giocato ininterrottamente per un anno e mezzo, fosse per me gli avrei dato un’altra chance, ma visti i nomi che circolano, quali Pozzi o Lewandosky, e’ ovvio che Marino stia cercando di sostituirlo. A sorpresa, e per motivi a me assolutamente misteriosi, e’ stato riconfermato Pia’ grazie forse al buon finale di campionato. Insomma il reparto si deve completare. Arrivasse Pandev la squadra farebbe un bel salto in avanti, ma anche l’esperienza di Cruz non e’ da disdegnare.

A centrocampo l’unico arrivo e’ quello di Cigarini: il regista dell’Under 21 e’ chiamato a dare ordine e idee a un reparto asfittico che, durante il campionato scorso ha fatto della corsa e del fiato, finché ci sono stati, l’arma migliore. Qui pero’ credo che la maggiore scommessa del Napoli di Donadoni sia il re-inventarsi un Hamsik dietro le punte in un centrocampo a tre, fermo restando che il Napoli, a mio parere ha uomini per giocare a 3, a 4 e a 5, possibile segno di una disposizione tattica che potrebbe essere camaleontica.
Qui a centrocampo il problema e’ opposto a quello dell’attacco: occorre sfoltire la rosa. Pazienza, Amodio, Montervino devono fare le valigie, e forse le farà anche Blasi. Marino sembra giustamente intenzionato a completare la rosa con qualche centrocampista di peso, come Mudingayi.

In difesa l’arrivo di Campagnaro e Zuniga sembra preludere a una difesa a quattro, rimane tuttavia sguarnito l’asse sinistro con un Vitale che viene spesso indicato come una possibile pedina di scambio e l’oggetto misterioso Rullo. L’arrivo di De Ceglie, o chi per lui, dovrebbe sanare la situazione. In difesa anche Santacroce rischia di essere inserito in qualche scambio, o almeno e’ uno dei più richiesti, tuttavia riterrei un errore privarsi di un ragazzo di grandi doti tecniche anche se ha, anche lui, qualche problemino caratteriale.

Infine sul lato portieri Marino ha fatto un ottimo colpo. Morgan De Sanctis dara’ stabilita’ a un reparto che negli ultimi due anni non ha avuto un titolare fisso, avendo l’anno scorso addirittura schierato ben 5 diversi portieri. Detto che il terzo sarà il promettente diciottenne Sepe, rimane l’incognita tra chi tra Navarro Iezzo e Gianello rimarrà a fare il secondo. la mia idea e’ che se ne andranno tutti e tre, e ne arriverà un quarto.

Insomma un mercato ottimo in entrata, deficitario in uscita.
Comunque le basi sono state gettate: in bocca al lupo ragazzi!

Annunci

Pubblicato il 10 luglio 2009, in Calcio, Napoli con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: